Le nuove Camere del Lavoro

Tommaso Gianni presenta una interessante iniziativa che ha contribuito a realizzare a Roma: la creazione di tre Camere del Lavoro rivolte al Lavoro Autonomo e Precario. La ragion d’essere di tali Camere è non solo quella, per quanto importante, di fornire una tutela contrattuale a lavoratori che ne sono largamente privi. È anche quella di sperimentare nuove forme di partecipazione dei lavoratori in grado di coniugare mutualità e contrattazione, conflitto e solidarietà, in sintesi, di attivare pratiche sociali che possano costituire esempi di nuove modalità, partecipative e dal basso, di produzione

Non solo talento: una spiegazione dei super-redditi dei calciatori di serie A

Francesco Principe e Michele Raitano si concentrano su una particolare categoria di super-ricchi, i calciatori. Dopo aver documentato l’elevatissima diseguaglianza dei redditi all’interno di questo gruppo di lavoratori privilegiati i due autori si chiedono se essa dipenda dalle differenze di talento. Utilizzando un dataset longitudinale che raccoglie, per i calciatori della serie A italiana, stipendi, performance e altre variabili, Principe e Raitano sostengono che un ruolo importante è svolto dal “potere” di cui dispongono in varie forme i calciatori o i club di appartenenza.

Il gioco d’azzardo patologico. Uno sguardo alla situazione italiana

Gianluca Farfaneti si occupa del gioco d’azzardo in Italia e delle problematiche economiche, sociali e sanitarie che esso solleva. Dopo avere richiamato alcuni dati sulla sua espansione e dopo avere sottolineato che mancano norme in grado di tutelare soprattutto le fasce più deboli dai rischi e dai pericoli che esso comporta, Farfaneti illustra alcune buone pratiche nel campo della prevenzione e del trattamento e sostiene che occorre un’azione integrata a livello legislativo e di comunità per sviluppare efficaci interventi assistenziali e di prevenzione.

La maternità è come un master

Riccarda Zezza ricorda che in Italia sono bassi sia i tassi di occupazione delle donne sia i tassi di fertilità. Riferendosi anche ai dati che dimostrano come da noi i tassi di occupazione femminile siano negativamente correlati al numero di figli, Zezza sostiene che un passo importante per modificare questa situazione consiste nel fare in modo che la maternità non diventi causa di disoccupazione. In realtà, la maternità permette alle donne di sviluppare capacità che possono essere di valore anche nel lavoro. Da queste considerazioni è nato il progetto maam® – maternity as a master che Zezza illustra nel suo contributo

Miracolo a Varano? Il ruolo della “Rete Politecnica” dell’Emilia-Romagna

Franco Mosconi illustra il nuovo sistema della formazione tecnica superiore lanciato dalla Regione Emilia-Romagna (“Rete Politecnica”) e mostra che i risultati straordinari, soprattutto in termini di occupazione, ottenuti in alcuni distretti/cluster devono molto alle più strette relazioni fra scuola e mondo del lavoro. Sulla base di questa esperienza, Mosconi sostiene che tutto il sistema-Paese – secondo in Europa per importanza della manifattura – dovrebbe convergere verso il modello tedesco imperniato sulle “Fachhochschule”

Studenti e acrobati: la scuola dove nasce il futuro del circo

Martina Bacigalupi si occupa di un problema circoscritto ma rilevante: la scolarizzazione dei figli di famiglie itineranti come quelle del circo. Dopo avere ricordato le carenze della legislazione europea rispetto a questo problema, Bacigalupi illustra la risposta fornita dall’Accademia d’Arte Circense di Verona che, esempio unico a livello europeo, permette ai giovani circensi di formarsi come artisti e, allo stesso tempo, di acquisire le conoscenze e le competenze minime per non essere esclusi da una futura vita stanziale.

Difficili equilibri: i minori stranieri non accompagnati tra diritti e responsabilità. Un resoconto da Napoli.

Andrea Morniroli, Glauco Iermano e Lassaad Azzabi dedicano il loro articolo ai minori stranieri non accompagnati, cioè a adolescenti o giovanissimi che emigrano da soli. Dopo avere ricordato le specifiche difficoltà che questi ragazzi incontrano, i tre autori raccontano l’esperienza della Cooperativa Dedalus di Napoli che da oltre 10 anni lavora con loro e sottolineano gli effetti positivi che hanno avuto sull’inclusione pratiche imperniate sul riconoscimento reciproco dei diritti e dei doveri della cittadinanza.

Internet@Italia 2013. La popolazione italiana e l’uso di Internet

Sebastiano Bagnara, Giacinto Matarazzo e Cosimo Dolente analizzano i risultati che emergono dalla recente ricerca “Internet@Italia 2013” condotta dall’Istat e dalla Fondazione Ugo Bordoni soffermandosi sulle divisioni che Internet determina nella popolazione italiana. In particolare, essi sottolineano come Internet scavi solchi profondi nel tessuto economico e sociale del paese e allarghi le distanze non solo tra generazioni e territori ma anche tra comparti della Pubblica Amministrazione. Questa segmentazione, sostengono gli autori, rende necessaria un’efficace strategia di policy.

Lo sviluppo della Sanità Digitale in Italia: opportunità e ostacoli

Giuseppe Greco analizza lo stato dell’arte della Sanità Digitale nel nostro Paese. Dopo aver ricordato il ruolo degli investimenti ICT per la crescita dell’efficienza e dell’efficacia del SSN, Greco si sofferma sulle ragioni del ritardo italiano, evidenziando la mancanza di una governance di sistema e di una strategia architetturale complessiva, soprattutto in merito al Fascicolo Sanitario Elettronico e alla Telemedicina. Ma la recente “Strategia Crescita Digitale 2014-2020” del Governo può costituire un cambio di passo.

Il capitale sociale nella smart city: il progetto CROSS (Citizen Reinforcing Open Smart Synergies)

Vanni Resta sostiene che la costruzione delle smart cities non richiede soltanto efficienza energetica o corretta gestione delle reti urbane ma anche valorizzazione del capitale sociale e delle transazioni volontarie non monetarie. Illustra, quindi, il progetto CROSS che si propone proprio di favorire le transazioni non monetarie e, soprattutto, la loro integrazione con l’attività delle pubbliche amminisrazioni.