Simone Tedeschi è Ricercatore presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Roma Tre, dove insegna Scienza delle Finanze. Partecipa stabilmente all’attività del Centro di Ricerca di Economia e Finanza Pubblica (CEFIP). Svolge attività di consulenza per il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

I costi sociali della trasgressione dell’obbligo di quarantena

Daniele Ingarrica e Simone Tedeschi discutono l’efficienza dell’attività normativa di contenimento del Covid-19. Utilizzando dati ufficiali, calcolano un intervallo di valori – in termini di giorni di lockdown, perdita di Pil e aumento dei disoccupati – per il costo sociale della trasgressione delle norme da parte degli individui contagiati e concludono che, in vista della fase 2, sarebbe opportuno applicare norme più dissuasive, grazie alla maggiore certezza e immediatezza delle sanzioni e al miglior coordinamento tra livelli di governo.

La corruzione, l’economia e il benessere. Quello che dicono i dati e perché dobbiamo preoccuparci.

Massimo Molinari e Simone Tedeschi hanno posto in relazione gli indicatori della corruzione con alcuni fenomeni di rilevanza economica e sociale e hanno stimato il loro grado di correlazione. Il segno sistematicamente negativo di queste correlazioni pone problemi interpretativi che i due autori affrontano brevemente nel loro intervento. Essi mettono anche in luce la peculiarità del rapporto tra corruzione e livello dei redditi in Italia, che può avere diverse spiegazioni, alcune delle quali ben poco tranquillizzanti.

La corruzione, la sua diffusione e i suoi costi. I problemi di misurazione e l’anomalia italiana

Le diverse modalità di misurazione della diffusione della corruzione, sottolineando le difficoltà che si incontrano a disporre di dati attendibili oltre che confrontabili a livello internazionale. Essi richiamano anche l’attenzione su un’apparente, interessante anomalia che i diversi indicatori della corruzione rivelerebbero per l’Italia.