Roberto Romano si occupa di politica industriale ed è stato assistente del presidente della Commissione Industria della Camera dei Deputati Nerio Nesi (1996-2000). Attualmente è ricercatore economico della CGIL Lombardia. L’articolo indaga l’andamento degli orari di lavoro e la produttività nel quadro di una politica economica tesa a sostenere la domanda. La domanda non è sensibile solo alla variazione del reddito – legge di Engel –, ma anche alla disponibilità di tempo per fruire di beni e servizi sempre più tecnologici, che necessitano di un tempo adeguato per essere consumati.

Lavoro, sviluppo e ri-produzione

Roberto Romano esamina il problema dell’orario di lavoro in relazione alle trasformazioni strutturali del capitalismo. Romano documenta la storica tendenza dell’orario di lavoro a ridursi e sostiene che nei paesi in cui tale tendenza è stata più marcata la crescita del PIL e della produttività è stata maggiore. Romano, inoltre, sottolinea l’importanza del tempo libero per permettere ai consumatori di apprendere come utilizzare beni e servizi a maggior contenuto tecnologico e, dunque, per sostenere la domanda e il processo di sviluppo.