Haneke e il “male oscuro” dell’Europa

Recente vincitore della Palma d’Oro al festival del cinema di Cannes, il film di Michael Haneke “il nastro bianco” è un’opera misurata dall’ambizione smisurata. Per uno storico europeo essa richiama alla mente le ammonizioni di Marc Bloch a temere “l’idolo delle origini”: quel feticcio alla ricerca del quale viene sacrificata ogni narrazione, complessità e scampolo…