La crisi e i settori: le PMI

Dopo mesi di pessimismo totale iniziano ad arrivare elementi di ottimismo. L’indicatore Ocse sulla congiuntura registra per l’Italia un + 2 per cento in agosto rispetto al mese precedente e un +10,4 per cento rispetto ad agosto 2008. La produzione industriale, dopo cinque trimestri consecutivi di caduta, ha conosciuto, nel terzo trimestre di quest’anno, un…

Previsioni sulla crisi tra annunci e dati reali

In presenza di una crisi nata come crisi finanziaria e trasformatasi presto in crisi dell’economia reale – restringimento della capacità produttiva delle imprese, chiusura di molte attività economiche, perdita di posti di lavoro, miliardi di ricchezza finanziaria distrutta nella quotidiana rulette borsiaria -, assistiamo quotidianamente al susseguirsi di annunci della politica previdentemente attenta a mantenere…

Crisi globale e opportunita’ locali. Uno sguardo ai Balcani: Il caso Albania

Parte 1. L’economia albanese e la crisi mondiale L’Albania è un dei paesi dell’area balcanica (insieme a Bosnia-Erzegovina, Serbia e Montenegro) che hanno raggiunto lo status di potenziali candidati all’Unione Europea (UE). Nonostante un decennio di crescita economica sostenuta, resta tuttavia tra i Paesi più poveri d’Europa. Questa apparente contraddizione è spiegata dal fatto che…

Le origini reali della crisi globale

Per gentile concessione degli autori pubblichiamo la versione italiana di un “paper”che apparirà su “Transition Studies Review” 1. Introduzione In questo contributo presentiamo un’interpretazione della crisi economico-finanziaria che considera cruciale l’argomento della distribuzione del reddito, un argomento invece tralasciato dalle interpretazioni più diffuse. In effetti, se ci si chiede che cosa ci sia dietro il disastro…

La slow economy

Ancora una volta Federico Rampini, ci ha regalato un libro* che fa piacere leggere. Un  libro che può  insegnare quattro cinque cose per capire meglio la portata dei problemi, che chiamiamo “crisi”, sui quali troppo spesso preferiamo stendere un velo fingendo di credere (o credendo davvero)  a chi ci racconta che la via d’uscita è…

Quali prospettive per l’economia mondiale?

Oggi ci troviamo in un momento cruciale nell’evoluzione dell’economia mondiale. Da un lato il sistema capitalistico è precipitato in una gigantesca crisi di sovrapproduzione la quale è scoppiata per effetto del crollo della domanda aggregata. Dall’altro lato le politiche keynesiane di spesa in deficit, che in questo periodo sono affiancate da una fortissima espansione monetaria…