Walter Quattrociocchi insegna social network analysis all’Università di Venezia, dove dirige il laboratorio Data Science and Complexity. I suoi campi di ricerca sono le scienze cognitive, la scienza dei dati e i modelli di processi dinamici in network complessi - come diffusione della disinformazione digitale e la comparsa di fenomeni collettivi. È consigliere scientifico dell'AGCOM. Ha pubblicato due libri: Misinformation. Guida alla società dell’informazione e della credulità (Franco Angeli, 2016) e Liberi di crederci. Informazione, internet e post-verità (Codice Edizioni, 2018).

L’informazione nell’era della polarizzazione: un’analisi quantitativa

Antonio Peruzzi e Walter Quattrociocchi si occupano di (dis)informazione in periodi di opinioni polarizzate, presentando i risultati di un loro recente progetto sulle reazioni degli utenti Facebook ad alcuni articoli sull’immigrazione pubblicati dal Corriere della Sera. In particolare, i due autori danno conto dei contenuti e delle tecniche giornalistiche che più incidono sulla polarizzazione e rilevano che introdurre la realtà dei fatti smorzi la sfiducia nei confronti dei giornali, con effetti di limitazione della disinformazione proveniente da fonti dubbie.