Valentina Camurri è dottoranda di ricerca in Lavoro, Sviluppo e Innovazione presso la Fondazione Marco Biagi nonché Cultrice della materia di Diritto processuale penale e in Diritto processuale penale delle società presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia. È abilitata all’esercizio della professione forense ed esperta incaricata presso la Commissione di Certificazione della Fondazione Marco Biagi. I suoi interessi di ricerca riguardano, principalmente, il reato di caporalato e i relativi strumenti di contrasto.

Più consegne, meno diritti: l’infausta parabola giuridica dei rider

Luca Bonacini e Valentina Camurri, analizzando i dati Google Trend, mostrano che la richiesta di servizi di food delivery è aumentata con le misure di distanziamento sociale adottate nella prima ondata di Covid-19 e non è tornata ai livelli pre-pandemici con il loro alleggerimento. Bonacini e Camurri ipotizzano, quindi, che il cambiamento forzato delle abitudini accrescerà in modo permanente il ricorso ai rider e sostengono che ciò rende quanto mai urgenti strumenti di contrasto a forme di sfruttamento che le piattaforme potrebbero porre in essere.