Stefano Scanu è nato a Roma nel 1975 dove vive, scrive e lavora come libraio. Tra i suoi libri la raccolta di versi Come un albero in un'ampolla e Buio in sala, guida breve ai cinema di Roma, entrambi editi per Giulio Perrone editore. Inoltre ha pubblicato anche Il disordine del mondo, piccolo atlante dei luoghi fuori posto (Ediciclo) e Come vedi avanzo un po', 15 biografie marginali (Italo Svevo). Ha collaborato con lo IED di Firenze e con le riviste The Towner Moleskine, Effe, Altri Animali e Perdersi a Roma.

Buio in sala: chiusure e transizioni dei cinema di Roma

Stefano Scanu racconta le chiusure, le trasformazioni e, talvolta, le riaperture delle sale cinematografiche romane con lo sguardo di chi ritiene che esse aiutino a comprendere la trasformazione della città, perché i cinema raccontano noi e le nostre città. Scanu riflette anche sul ruolo di Netflix nel determinare le tendenze in atto e ipotizza, richiamando anche due recenti episodi, che possa trattarsi di un ruolo non soltanto negativo per le sale ma anche di stimolo a recuperarle come luoghi che simboleggiano l’appartenenza a una comunità.