Momi Dahan dal 2002 è membro della facoltà di Public Policy presso l'Università Ebraica. Negli anni 2011-2014 ha diretto la School of Public Policy. Il Prof. Dahan ha occupato posizioni di rilievo nel settore pubblico da quando ha ricevuto il suo dottorato di ricerca dal dipartimento di Economia della Hebrew University. E’ stato capo economista della Bank of Israel (1989-1999) prima di diventare consigliere senior al ministero delle finanze (1999-2001). E’ stato anche capo o membro di diverse commissioni pubbliche. Negli anni 1997-1999, ha prestato servizio come consulente economico sia nel FMI che nella IADB. I suoi interessi di ricerca riguardano le radici della disuguaglianza economica e le sue conseguenze. Su questi temi ha pubblicato contributi sia teorici che metodologici ed empirici su riviste specializzate in vari settori accademici: economia, politiche pubbliche, scienze politiche, scienze ambientali, psicologia.

La disuguaglianza dei redditi in Israele: un’evoluzione peculiare

Momi Dahan richiama l’attenzione sulla peculiarità della disuguaglianza dei redditi in Israele: relativamente bassa per quelli di mercato, alta per quelli disponibili. Dahan esamina tre possibili spiegazioni delle differenze tra Israele e gli altri paesi OCSE: la prima basata sulle preferenze culturali degli ebrei ortodossi e degli arabi, la seconda sull’andamento ciclico e le caratteristiche della crescita, la terza sulle politiche redistributive e conclude che la peculiarità si deve a queste ultime e all’andamento del tasso di disoccupazione.