Mario Tiberi è professore a contratto di Politica Economica nella Facoltà di Economia della Sapienza Università di Roma

Ermanno Rea e il “laboratorio di Federico Caffè”

Mario Tiberi traccia il suo ricordo di un grande scrittore scomparso il 13 settembre scorso, Ermanno Rea. Lo fa partendo dal primo incontro che ebbe con lui, alla fine degli anni ’80, quando Rea, colpito dalla sua misteriosa scomparsa, decise di scrivere un libro su Federico Caffè. Tiberi, dopo aver ricordato che Rea mai conobbe Caffè, mostra quanto affini fossero le loro visioni sociali e ripercorre le principali tappe della produzione letteraria di Rea fino al suo ultimo libro, Nostalgia, del quale non ha potuto vedere l’uscita.

Oltre l’austerità, il futuro dell’Euro: in margine a una lezione di Paul De Grauwe

Mario Tiberi dà un resoconto delle “Lezioni Federico Caffè 2015”, tenute da Paul De Grauwe, sul futuro dell’Eurozona. Tiberi ricorda le critiche di De Grauwe alle politiche di austerità, nate da un‘analisi inadeguata della recessione, troppo centrata sulla crisi dei debiti sovrani, e responsabili di molte conseguenze negative. L’alternativa è una politica fiscale espansiva, sorretta dalla piena affermazione della BCE come prestatore di ultima istanza. Tiberi conclude sottolineando la sintonia del ragionamento di De Grauwe con valutazioni presenti nei lavori di Caffè.