Marilena Giannetti è ricercatrice di Economia Politica presso il dipartimento di Economia e Diritto dell’Università di Roma, La Sapienza. Negli ultimi anni si è occupata principalmente di economia della migrazione e di disuguaglianza

I super-ricchi del mondo: quanti sono? dove vanno? e in cambio di cosa?

Marilena Giannetti riassume i principali dati contenuti nel recente Global Wealth Migration Review pubblicato dal New World Wealth, una società di ricerche di mercato con sede in Sud Africa. Il rapporto presenta stime della ricchezza posseduta da super-ricchi nel mondo e della loro collocazione geografica nonché degli spostamenti dei super-ricchi da un paese all’altro. Giannetti avanza qualche dubbio sul rigore di queste analisi e si sofferma in particolare sui vantaggi che molti governi promettono ai super-ricchi per attrarli nel proprio paese.

L’Italia delle paure. Gli immigrati tra preconcetti e realtà

Marilena Giannetti prendendo spunto dalla pubblicazione del Dossier Statistico sull’Immigrazione 2018 e del Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione, chiarisce vari aspetti del fenomeno migratorio in Italia e sottolinea la distanza tra realtà e percezione (e idee) degli italiani, che alimenta il sentimento anti-immigrati. Giannetti ritiene che ciò dipenda sia dalla cattiva informazione sia dalla mancanza di appropriate politiche di integrazione e coesione sociale e raccomanda interventi correttivi sotto entrambi gli aspetti.

Quando l’immigrazione fa vincere tutti: il caso di Israele all’inizio degli anni ’90 secondo Assaf Razin

Marilena Giannetti riprendendo uno studio di Assaf Razin presentato al convegno “Migration and Welfare” tenutosi di recente a Roma spiega perché un particolare evento come quello del grande flusso d’immigrazione che si è verificato dai paesi dell’ex URSS verso Israele negli anni ’90 ha avuto effetti positivi dal punto di vista socio-economico sia per la popolazione già residente sia per i nuovi arrivati. Una delle ragioni è da individuare nella politica, da sempre adottata da Israele, del “libero ritorno”.

La situazione economica delle famiglie italiane: atmosfera da anni ’80

Marilena Giannetti e Rama Dasi Mariani si occupano della recente indagine della Banca d’Italia sul reddito e la ricchezza degli italiani, relativa al 2014, dalla quale emerge una fotografia con chiari e scuri. Per la prima volta dal 2006, il reddito familiare non risulta in calo, ma, come sottolineano Giannetti e Mariani, nel complesso il suo livello è vicino a quello della fine degli anni ’80 e, d’altro canto, la sua distribuzione, così come quella della ricchezza, è caratterizzata da una forte disuguaglianza.

L’integrazione degli immigrati in Europa: a che punto siamo?

Marilena Giannetti fa il punto sul processo di integrazione degli immigrati in Europa sulla base di un recente Rapporto congiunto dell’OCSE e della Commissione Europea. I risultati che emergono sono piuttosto variegati tra i diversi paesi ma la gran parte degli indicatori utilizzati nel Rapporto fornisce risultati peggiori per gli immigrati rispetto alla popolazione nativa. Giannetti sottolinea però che questo gap tende a diminuire con il prolungarsi della permanenza degli immigrati nel paese di destinazione.

Cosimo de’ Medici come lo Sceicco Khalifa di Abu Dabi? I tratti comuni ai super-ricchi di tutti i tempi

Marilena Giannetti attingendo al libro “The Rich. From slaves to super yachts. A 2000-year history” di John Kampfner racconta le vicende di alcuni dei ricchi più ricchi della storia da Marco Licinio Crasso a Cosimo de’ Medici, dai “robber barons” agli sceicchi degli emirati arabi. Valorizzando il contributo forse più interessante di Kampfner, Giannetti mette in luce alcuni elementi comuni a questi super-ricchi vissuti in epoche tanto lontane tra loro e in particolare il ruolo dell’intreccio tra ricchezza, potere e politica.

Nè jus sanguinis né jus soli: a Malta (e non solo) vige lo jus pecuniae

Marilena Giannetti e Elena Paparella si occupano degli “immigrant investor programs”, cioè dei programmi che permettono di comprare lo status di cittadino, pagando un prezzo fissato dai paesi che li adottano (tra i quali vi è Malta, membro dell’UE). Giannetti e Paparella si soffermano sulle implicazioni morali, economiche e di tutela dei diritti che ha la singolare coesistenza, in molti paesi, di un libero mercato dei passaporti (per i ricchi ) e di crescenti barriere all’accesso (per i più poveri)