Maria Alessandra Rossi è Professore Associato di Politica Economica presso il Dipartimento di Economia Politica e Statistica dell’Università di Siena, dove si occupa di analisi economica delle istituzioni, economia dell’innovazione, regolazione e politica della concorrenza. Su questi temi ha pubblicato su riviste come il Journal of Economics and Management Strategy, Industrial and Corporate Change, and il Cambridge Journal of Economics. Ha anche partecipato alla stesura di numerosi rapporti per l’OCSE, l’IRG, l’AGCOM e altre istituzioni.

Il capitalismo italiano fra ibridi istituzionali e nuovi ibridi tecnologici

Maria Alessandra Rossi sostiene che l’evoluzione verso tecnologie ‘ibride’ – che applicano le ICT alla sfera della materialità – e l’aumentata pervasività di intangibili e diritti di proprietà intellettuale, sono rilevanti per il dibattito sulla riforma del capitalismo italiano. A suo parere questi sviluppi, che hanno mutato i modelli ‘puri’ di capitalismo (statunitense e tedesco) potrebbero, con politiche adeguate, essere funzionali alla valorizzare di alcuni connotati naturali italiani, generando incrementi di produttività e valore aggiunto anche nei settori tradizionali.