Laura Iacovone è Docente di Marketing e Ricercatore di Economia e Gestione delle Imprese del Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi - DEMM, dell'Università degli Studi di Milano. È titolare dei corsi Consumer & Shopping behavior e Neuromarketing nell'ambito della Laurea Magistrale di Comunicazione e Marketing. Membro del Collegio Docenti del Master MIMEC-Master in Marketing e Comunicazione Università Bocconi di Competitive Analysis (dal 2001 al 2019). Da 30 anni studia le dinamiche competitive lungo i rapporti di filiera all'interno del settore farmaceutico. I suoi attuali ambiti di ricerca riguardano l'e-health e il contributo di bigdata e AI nel settore, ossia l'impatto delle nuove tecnologie integrate all'AI su processi, prodotti e attività aziendali delle imprese Health&Pharma.

Pandemie e ricerca farmaceutica: la proposta di una infrastruttura pubblica europea (parte seconda)

Massimo Florio e Laura Iacovone proseguendo nell’analisi avviata sullo scorso numero del Menabò sui difetti, nella ricerca, dell’industria farmaceutica, sostengono che i tempi sono maturi per creare una infrastruttura pubblica sovranazionale per la ricerca di base, lo sviluppo, la produzione, vendita e distribuzione di farmaci che mantenga la proprietà intellettuale delle scoperte, con il diritto di produrre o di dare la licenza a terzi, garantendo le cure per le attuali patologie e quelle future.

Pandemie e ricerca farmaceutica: la proposta di una infrastruttura pubblica europea (parte prima)

Massimo Florio e Laura Iacovone osservano che COVID-19 ha mostrato i limiti dell’industria farmaceutica nel programmare investimenti a lungo termine nella ricerca di farmaci utili a contrastare il diffondersi di malattie infettive, privilegiando le aree terapeutiche funzionali alla massimizzazione dei ritorni finanziari attesi dai farmaci. Trascurare la ricerca a più alto rischio, specie quando sono noti o prevedibili effetti sanitari potenzialmente devastanti, è un errore e non deve essere persa l’occasione per modificare obiettivi e attività degli attori del sistema. Florio e Iavocone, indicano come in un articolo di cui questa è la prima parte.