Laureato in economia politica all’Università Bocconi, ha conseguito il dottorato di ricerca in metodologia statistica per la ricerca scientifica presso l’Università di Bologna. Dopo un'esperienza in consulenza, attualmente è economista senior presso la Sede di Bologna della Banca d'Italia. I suoi principali interessi di ricerca riguardano l’economia industriale, le politiche per lo sviluppo locale e l’econometria applicata.

In saecula saeculorum: la mobilità intergenerazionale nel lunghissimo periodo

Guglielmo Barone e Sauro Mocetti, basandosi su un loro più ampio studio, criticano una delle conclusioni degli studi sulla mobilità intergenerazionale e cioè che la correlazione tra ascendenti e discendenti tende a svanire con il passare delle generazioni anche se è positiva tra genitori e figli. Essi, infatti, documentano la sorprendente esistenza di tracce di ereditarietà socioeconomica tra i contribuenti di Firenze e i loro antenati del ‘400 e sostengono che ciò rende necessaria una nuova riflessione sui meccanismi della trasmissione intergenerazionale.

L’origine del capitale sociale

Albanese e Barone, muovendo dalla considerazione che capitale sociale e sviluppo economico sono connessi, si chiedono se sia convincente la diffusa tesi secondo cui le dotazioni di capitale sociale in ciascun territorio hanno profonde radici storiche e perciò sarebbero stabili nel tempo. Richiamando alcuni recenti contributi, Albanese e Barone sostengono che vi sono fattori in grado di modificare le dotazioni di capitale sociale e sottolineano l’importanza della loro individuazione per il disegno di politiche idonee a ridurre i divari di sviluppo.