Giambattista Avellino, regista e sceneggiatore, ha diretto tra gli altri il film "C’è chi dice no" (2011).

Il cinema italiano e la narrazione della corruzione

Giambattista Avellino con la sua competenza di regista e sceneggiatore analizza un importante collegamento tra cultura e corruzione, cioè il modo e la frequenza con cui il cinema italiano affronta questo fenomeno. Egli sottolinea, in particolare, che nella nostra tradizione cinematografica prevale la commedia che presta scarsa attenzione alle tematiche sociali. Vige,, cioè, quello che egli chiama “il regime della commedia” che, però, rischia di trasformarsi sempre più in “commedia di regime”.