Eloisa Betti è docente a contratto di Storia del lavoro presso l’Università di Bologna. È co-coordinatrice del Feminist Labour History Working Group dell’European Labour History Network e dei progetti Genere, lavoro e cultura tecnica e Bologna metalmeccanic@. E’ autrice delle monografie: Precari e precarie. Una storia dell’Italia Repubblicana (Carocci 2019); Le ombre del fordismo. Sviluppo industriale, occupazione femminile e precarietà del lavoro nel trentennio glorioso (Bononia University Press, 2020).

Il lavoro da casa prima dello “smart working”: radiografia della lavorante a domicilio tra produzione e riproduzione

Eloisa Betti presenta un affresco della storia del lavoro a domicilio nel periodo fordista, utile per confrontare lo “smart working” contemporaneo con la principale forma di “lavoro da casa” degli anni Cinquanta-Settanta. Betti mette al centro dell’analisi il complesso intreccio tra lavoro produttivo e riproduttivo tra le mura domestiche, focalizzando l’attenzione sulla difficile conciliazione, sull’invasione degli spazi domestici e di vita, sulle condizioni psico-fisiche delle lavoratrici, sulle assenti forme di socializzazione e sul possibile ruolo delle organizzazioni sindacali.