Avvocato cassazionista del Foro di Roma; ha ottenuto nel 2014 l’Abilitazione Scientifica Nazionale di II Fascia in Diritto costituzionale. É autore di due monografie, Saggio sull’interpretazione adeguatrice (Aracne, Roma 2011) e I beni comuni (Ediesse, Roma 2012). Tra i suoi ultimi lavori, si segnalano il saggio Ai confini di Schengen. La crisi dell’Unione europea tra “sistema hotspot” e Brexit, in Costituzionalismo.it, e la traduzione italiana (con Lorenzo Coccoli) di P. Dardot, C. Laval, Il potere ai soviet. L’ombra dell’ottobre ’17 e la democrazia diretta (Deriveapprodi, Roma 2017).

Un populismo di nuova generazione

Antonello Ciervo, partendo dalla riflessione di Asor Rosa sul rapporto tra intellettuali e masse popolari, analizza alcune recenti pubblicazioni sui giovani e la politica, in particolare alla luce delle tendenze populistiche emerse nel dibattito pubblico italiano. Ciervo, esaminando il libro di Alberto Raffaele Ventura, Teoria della classe disagiata, e il volume collettaneo dell’Associazione “Senso comune”, I giovani salveranno l’Italia, tratteggia un nuovo fenomeno sociale che potrebbe essere denominato “populismo generazionale” e ne critica alcuni aspetti teorici.