Regista e dottore di ricerca in Sociologia della Comunicazione. Da oltre dieci anni presta particolare attenzione al tema delle migrazioni ed è socio fondatore di Zalab. Ha diretto due film lungometraggi: Io sono Li  (2011, candidato a 4 David di Donatello, vincitore di decine di premi internazionali, tra cui il Premio Lux del Parlamento Europeo, e distribuito in oltre 45 paesi) e La Prima Neve (2013, sezione Orizzonti della 72 Mostra Internaizonale del Cinema di Venezia e vincitore del Festival di Annecy). Ha realizzato numerosi documentari, tra i quali: A sud di Lampedusa (2006, premio MedFest al 10° MediterraneoVideoFestival; finalista al 13° Premio Ilaria Alpi),   Mare Chiuso (2012, Globo d’oro come miglior documentario) e I Sogni del Lago Salato  (selezione ufficiale Locarno 2015 e Giornate degli Autori - Venezia 2015).

Migranti

Andrea Segre partendo dalla sua esperienza di regista che si è molto occupato di migrazioni propone alcune riflessioni sul fenomeno, che ritiene dovrebbero essere di interesse per gli studiosi di questioni economiche e sociali. In particolare, Segre si chiede, da un lato, se non sarebbe stato più conveniente, da un punto di vista economico, utilizzare diversamente – magari realizzando anche un risparmio – le risorse destinate al sistema securitario costruito negli ultimi 15 anni e, dall’altro, quanto contino, nei calcoli costi-benefici, la volontà e le preferenze dei migranti.