Andrea Boitani insegna Economia Politica ed Economia Monetaria all’Università Cattolica di Milano. Ha studiato a Roma (Sapienza) e Cambridge (UK). I suoi libri più recenti sono Sette luoghi comuni sull’economia e L’economia in tasca. 100 citazioni imperdibili (Laterza, 2017); Scusi Prof, cos’è il populismo (con R. Hamaui, Vita e Pensiero, 2019); Macroeconomia (3a edizione, Il Mulino, 2019). Da poco è uscito L’illusione liberista (Laterza, 2021).

L’illusione liberista

Andrea Boitani critica in modo radicale il progetto liberista. Un progetto che mira a una società che si risolve nel mercato, dove i rapporti sociali sono irrilevanti, se non mediati dal mercato, le istituzioni politiche valutate solo in base agli interessi economici di individui egoisti, e il denaro può comprare tutto. Le disuguaglianze possono crescere a dismisura in nome del merito, degli incentivi, dell’efficienza. I guasti ambientali sono favoriti dal bilancino dei costi e benefici usato dagli economisti, che pende a favore del presente e “svaluta” il futuro.