Menabò n. 155/2021

Questo numero del Menabò si apre con il contributo di Mikhail Malesnnikov che mette in luce ambizioni e problemi, soprattutto sotto il profilo dell’equità, dell’intesa di massima sulla riforma della tassazione internazionale d’impresa raggiunta nel G20 di Venezia. Luca Salvatici, in relazione all’azione “Fit for 55” proposta dalla Commissione Europea, esamina criticamente la previsione di…

Aziende in difficoltà quando scarseggiano i manager

Julien Sauvagnat e Fabiano Schivardi affrontano il tema del ruolo che la qualità del management ha nel determinare i risultati conseguiti dalle aziende. Partendo dall’ipotesi che l’offerta locale di dirigenti sia determinante ed esaminando i dati relativi alle imprese che perdono un dirigente per morte improvvisa, i due autori forniscono elementi per valutare in modo fondato quel ruolo.

I pensionati non sono tutti uguali

Simone Ghislandi e Benedetta Scotti esaminano i dati sui differenziali di mortalità tra i pensionati in Italia e individuano chiare disparità nei profili di longevità in relazione all’occupazione ricoperta al momento del pensionamento. Ghislandi e Scotti richiamano l’attenzione sull’opportunità di tenere conto di tali disparità, che sono particolarmente accentuate per gli uomini, nell’adattamento del sistema previdenziale alle sfide poste dall’incremento della longevità.

La povertà lavorativa in Italia: nuove prospettive di analisi dei lavoratori vulnerabili

Emanuela Struffolino si occupa di in-work poverty, ovvero di povertá lavorativa, che interessa circa il 12% dei lavoratori italiani, commentando i primi risultati di ricerca presentati dal team italiano del progetto Horizon 2020 – Working Yet Poor in occasione della conferenza “La povertà lavorativa in Italia”. Struffolino ricorda che il progetto analizza il fenomeno in diversi paesi europei e si sofferma sull’importanza di individuare le diverse tipologie di lavoratori particolarmente vulnerabili.

La gestione partecipata nell’esecuzione del PNRR: la proposta dei Patti Territoriali

Federico Butera richiama l’attenzione su tre formidabili sfide che, dopo l’approvazione del PNRR, occorre affrontare nell’’ultimo miglio” e sostiene che una rigorosa gestione economico-finanziaria policentrica del piano nel modello presentato dal Premier e dal suo governo può essere rafforzata da Patti Territoriali o Patti per il lavoro, ossia dall’assunzione condivisa di proposte e impegni, di programmi di lavoro e di metodi da parte di soggetti pubblici e privati che operano nell’interesse proprio e del bene comune.

L’accordo OCSE-G20 sulle nuove regole fiscali per le multinazionali: un passo nella giusta direzione che manca (ancora) di ambizione

Mikhail Malesnnikov ritorna sulla riforma del sistema di tassazione internazionale d’impresa dopo l’intesa di massima raggiunta a inizio luglio in seno all’OCSE e avallata politicamente dai ministri delle finanze del G20 a Venezia. Malesnnikov sostiene che l’accordo-quadro, da ultimare tecnicamente entro ottobre, è il risultato di uno sforzo di cooperazione internazionale degno di apprezzamento, tuttavia gli obiettivi avrebbero potuto essere più ambiziosi e permangono seri interrogativi sul fronte dell’equità.

La carbon tariff: un male necessario ma (sperabilmente) transitorio

Luca Salvatici ricorda che l’azione “Fit for 55” proposta di recente dalla Commissione Europea per ridurre le emissioni prevede anche una compensazione doganale (CBAM) su alcune importazioni ad alta intensità di carbonio. Salvatici, riconosce le motivazioni alla base della proposta, ma evidenzia le difficoltà pratiche e politiche relative alla sua applicazione e sostiene che sarebbe preferibile un accordo globale per internalizzare le esternalità ambientali derivanti dalle emissioni di carbonio.

Reddito di cittadinanza: chi lo riceve ha una carriera contributiva “povera”

Giuseppe Pio Dachille, Maria De Paola e Paolo Naticchioni analizzano i percettori del Reddito di Cittadinanza e trovano che soltanto un terzo dei percettori in età da lavoro ha maturato contributi previdenziali nel corso degli ultimi due anni. I restanti due terzi sono, invece, rimasti esclusi dal mercato del lavoro formale e quindi anche dalle connesse prestazioni di sostegno .

Ma il mercato del lavoro non è un autobus all’ora di punta

Giuseppe Pio Dachille, Edoardo Di Porto e Monica Paiella sottopongono a verifica la tesi secondo cui “Quota 100” avrebbe liberato posti di lavoro e creato opportunità di occupazione per i più giovani. Gli autori, analizzando i dati individuali delle carriere lavorative degli italiani giungono alla conclusione che gli effetti di “rimpiazzo” della forza lavoro sono stati parziali. L’anticipo pensionistico sembra essere quindi uno strumento poco efficace per l’accesso al mercato del lavoro dei giovani.

Cig Covid-19: le scelte strategiche delle imprese

Paola Biasi, Beini Cai, Maria De Paola, Paolo Naticchioni si chiedono come le imprese hanno scelto di concentrare o equi-distribuire la fruizione della Cassa Integrazione Guadagni COVID-19 tra i propri dipendenti. Gli autori, dopo aver ricordato che tale scelta ha risvolti in termini di equità e di efficienza, mostrano che le imprese con elevata diseguaglianza salariale hanno concentrato maggiormente l’utilizzo della CIG COVID-19 e quelle con rapporti di lavoro più stabili hanno realizzato una maggiore equità.