L’intervento sulle “quattordicesime” dei pensionati. Si può fare di più?

Kaldor discute le due misure di sostegno dei redditi pensionistici medio-bassi delineate nella recente intesa fra Governo e parti sociali: l’aumento della no-tax area e il rafforzamento della “quattordicesima”, che può essere considerata una soluzione di ripiego rispetto alla troppo costosa estensione ai pensionati degli “80 euro”. Kaldor sottolinea che, anche dopo questi interventi, le prestazioni pensionistiche di base restano molto basse e permangono sovrapposizioni tra le diverse misure di integrazione della pensione.

La questione dei rifiuti e i conflitti irrisolti

Daniele Fortini parte dalla considerazione che decidere come e dove smaltire i rifiuti non differenziati, inevitabilmente genera conflitti spesso inconcludenti che coinvolgono politica e istituzioni, cittadini e società. Fortini sostiene che per alleviare i conflitti sulla localizzazione degli impianti o sulle tecnologie di smaltimento e per favorire una gestione dei rifiuti ispirata ai principi dell’economia circolare occorre dare soluzione ad altri conflitti, sommersi o poco conosciuti, che elenca con precisione.

I nuovi “indicatori di compliance” e le strategie di riduzione dell’evasione

Fernando Di Nicola discute la nuova strategia di contrasto dell’evasione fiscale annunciata da SOSE (Società per gli studi di settore) e MEF che prevede il superamento degli studi di settore e l’introduzione di indicatori che dovrebbero sia stimolare i contribuenti a dichiarare redditi più realistici sia a indirizzare i controlli verso i casi più incongruenti. Di Nicola giudica positivamente l’innovazione, e il conseguente abbandono dell’accertamento induttivo, ma sottolinea la rilevanza strategica dei controlli sull’emissione dei corrispettivi.

Ermanno Rea e il “laboratorio di Federico Caffè”

Mario Tiberi traccia il suo ricordo di un grande scrittore scomparso il 13 settembre scorso, Ermanno Rea. Lo fa partendo dal primo incontro che ebbe con lui, alla fine degli anni ’80, quando Rea, colpito dalla sua misteriosa scomparsa, decise di scrivere un libro su Federico Caffè. Tiberi, dopo aver ricordato che Rea mai conobbe Caffè, mostra quanto affini fossero le loro visioni sociali e ripercorre le principali tappe della produzione letteraria di Rea fino al suo ultimo libro, Nostalgia, del quale non ha potuto vedere l’uscita.

La resistenza antimicrobica: un’emergenza globale

Ersilia Vaudo Scarpetta e Giulia Morando si occupano del problema della resistenza antimicrobica, illustrandone le caratteristiche e sottolineando la dimensione mondiale che esso ha assunto negli ultimi anni. Dopo aver esposto le principali cause e le implicazioni economiche del fenomeno, le due autrici descrivono le opzioni di policy che leader politici e organizzazioni internazionali stanno prendendo in considerazione per arginare quella che è stata definita come una delle più urgenti sfide globali contemporanee.

Povertà e disuguaglianze in un recente Rapporto della Banca Mondiale

Marco Valerio Del Buono e Stefano Filauro presentano il Rapporto della Banca Mondiale “Poverty e Shared Prosperity. Taking on Inequality” il cui scopo principale è fare il punto sulle tendenze della povertà e della disuguaglianza a livello globale e all’interno dei vari paesi. I due autori illustrano i principali dati contenuti nel Rapporto e si soffermano su alcuni aspetti problematici relativi alla loro costruzione e interpretazione. Inoltre, danno conto delle misure di policy raccomandate dalla Banca Mondiale.

Menabò n. 51/2016

In questo numero del Menabò, Raitano e Kaldor si occupano degli interventi del governo sulle pensioni, Fortini degli ostacoli alla soluzione del problema dei rifiuti, Di Nicola della nuova strategia per la lotta all’evasione fiscale. Vaudo-Morando illustrano il grave problema della resistenza antimicrobica. Tiberi ci offre un ricordo di Ermanno Rea, scomparso di recente. Del…

Buone notizie sulla distribuzione dei redditi? Riflessioni sull’ultimo Rapporto della Banca Mondiale.

FraGRa esaminano il Rapporto della Banca Mondiale dal quale risulta che povertà e disuguaglianze sarebbero in diminuzione a livello mondiale anche se non nei singoli paesi. FraGRa si chiedono se questa possa considerarsi una buona notizia e rispondono sia precisando il significato della riduzione della povertà e della disuguaglianza globali sia sostenendo che l’aumento della disuguaglianza all’interno dei paesi è un fenomeno molto preoccupante che non può non riflettersi sulla valutazione complessiva delle tendenze in atto.