Fortuna o schiavitù? Un viaggio nel mondo dei miliardari di Forbes

Roberto Fantozzi analizza la classifica dei possessori di patrimoni miliardari nel mondo annualmente redatta dalla rivista americana Forbes. Dopo avere spiegato come viene costruita quella classifica, Fantozzi misura le disuguaglianze all’interno del gruppo dei miliardari mondiali e mostra che esse sono molto elevate, al punto da poter paradossalmente distinguere miliardari ricchi e miliardari poveri. Fantozzi, rifacendosi anche a una nota frase di Seneca, si chiede, un po’ ironicamente, se i miliardari poveri non possano finire per essere schiavi delle loro stesse fortune.

Cosimo de’ Medici come lo Sceicco Khalifa di Abu Dabi? I tratti comuni ai super-ricchi di tutti i tempi

Marilena Giannetti attingendo al libro “The Rich. From slaves to super yachts. A 2000-year history” di John Kampfner racconta le vicende di alcuni dei ricchi più ricchi della storia da Marco Licinio Crasso a Cosimo de’ Medici, dai “robber barons” agli sceicchi degli emirati arabi. Valorizzando il contributo forse più interessante di Kampfner, Giannetti mette in luce alcuni elementi comuni a questi super-ricchi vissuti in epoche tanto lontane tra loro e in particolare il ruolo dell’intreccio tra ricchezza, potere e politica.

Le tasse e la fuga dei ricchi

Maurizio Franzini, in un contributo già pubblicato sul Menabò, esamina la diffusa opinione secondo cui i ricchi reagiscono all’aumento delle tasse trasferendo altrove la propria residenza. Dopo avere ricordato, quali siano le conoscenze non aneddotiche di cui disponiamo sull’influenza che le tasse esercitano sulle decisioni dei ricchi di trasferirsi, Franzini si chiede se le migrazioni dei ricchi indotte da inasprimenti fiscali, anche quando avessero luogo, producono conseguenze negative come la riduzione del gettito fiscale o il rallentamento della crescita economica.

I ricchi e i loro paradisi (fiscali)

Francesco Vona si occupa dei paradisi fiscali che amplificano il divario tra i super-ricchi e il resto della popolazione e creano danni all’erario pubblico. Vona ricorda che i paradisi fiscali continuano a proliferare nonostante le azioni portate avanti dal G20 e dalle maggiori economie mondiali. Basandosi sui recenti lavori di Gabriel Zucman, egli fornisce elementi per comprendere ed analizzare i fondamenti politico-economici dei fallimenti nella lotta ai paradisi fiscali e delinea le strategie in grado di combattere realmente i paradisi fiscali.

Non solo talento: una spiegazione dei super-redditi dei calciatori di serie A

Francesco Principe e Michele Raitano si concentrano su una particolare categoria di super-ricchi, i calciatori. Dopo aver documentato l’elevatissima diseguaglianza dei redditi all’interno di questo gruppo di lavoratori privilegiati i due autori si chiedono se essa dipenda dalle differenze di talento. Utilizzando un dataset longitudinale che raccoglie, per i calciatori della serie A italiana, stipendi, performance e altre variabili, Principe e Raitano sostengono che un ruolo importante è svolto dal “potere” di cui dispongono in varie forme i calciatori o i club di appartenenza.

Ricchezza: la solita ignota

Francesco Bogliacino e Virginia Maestri si occupano di reddito e di ricchezza e esaminano i dati relativi alla disuguaglianza nella distribuzione dell’uno e dell’altra. Essi sottolineano che per la ricchezza disponiamo di pochi dati e scarsamente comparabili ma da essi risulta che la ricchezza è peggio distribuita del reddito. Cercando di tenere conto simultaneamente di reddito e ricchezza i due autori osservano che un patrimonio elevato può coesistere con un reddito basso e viceversa, come nel caso dei ricchi di reddito indebitati e dei poveri che possiedono patrimoni non trascurabili.

Le crisi e i redditi dei ricchi

Salvatore Morelli esamina, in una prospettiva storica, l’effetto che le crisi bancarie e finanziarie sistemiche hanno sulle quote di reddito dei più ricchi, i cosiddetti top income, nei paesi avanzati. Morelli mostra che in generale l’effetto è negativo per i super- ricchi mentre è positivo per la classe medio-alta. Nella crisi la disuguaglianza nei redditi tende a ridursi ma questo effetto è piuttosto contenuto e appare in alcuni casi temporaneo. Nel complesso, secondo Morelli, le forze di mercato più distruttive non sembrano, da sole, in grado di scalfire le concentrazioni estreme di reddito.

Crisi o trasformazione della democrazia?

Alessandro Ferrara muove dalla paradossale considerazione che nel momento storico in cui è diventata un orizzonte condiviso da più di metà dell’umanità, la democrazia come regime politico si trova ad operare in condizioni sociali, economiche, culturali inusitatamente inospitali. Dopo aver ricostruito le principali dieci condizioni inospitali con cui la democrazia del XXI secolo dovrà convivere, tra le quali rientra la concentrazione del reddito e della ricchezza, Ferrara si occupa del modo in cui il pensiero liberal-democratico degli ultimi decenni ha risposto a queste sfide.

I “lavoratori ricchi”: una nuova figura di rentier?

FraGRa dedicano il loro articolo ai cosiddetti working rich. Dopo avere documentato la tendenze dei redditi a concentrarsi nella parte alta della distribuzione e, soprattutto, la crescente presenza dei redditi da lavoro tra i top income, FraGRa si interrogano sui fattori in grado di spiegare il fenomeno. A questo scopo ricordano che già nell’800 i Fabiani avevano sostenuto che anche i redditi da lavoro possono avere una componente di rendita e sostengono che proprio alle rendite indotte da una inadeguata concorrenza occorre guardare per comprendere il fenomeno e per debellarlo.